Sulla tua fattura risultano servizi digitali o in abbonamento mai richiesti?

L’ultima bolletta ricevuta non ti convince? Hai perplessità e dubbi e pensi si tratti di errata fatturazione? Ti consigliamo di armarti di pazienza e verificare voce per voce! Confrontala con quella dei mesi precedenti e scopri cosa è cambiato. Ti basterà avere un riferimento temporale che ti consenta di svolgere un controllo più approfondito.

Sulla tua fattura risultano servizi digitali o in abbonamento mai richiesti?

L’ultima bolletta ricevuta non ti convince? Hai perplessità e dubbi e pensi si tratti di errata fatturazione? Ti consigliamo di armarti di pazienza e verificare voce per voce! Confrontala con quella dei mesi precedenti e scopri cosa è cambiato. Ti basterà avere un riferimento temporale che ti consenta di svolgere un controllo più approfondito.

Cosa sono i servizi digitali non richiesti?

Con il termine “servizi digitali non richiesti” si intendono tutti quei contenuti, servizi o abbonamenti digitali per i quali non è mai stato richiesto, ordinato e prestato il consenso per l’attivazione, ma che comunque ti ritrovi a dover pagare tramite credito del tuo cellulare o addebito in fattura. Intanto il consiglio è quello di non lasciare la fattura insoluta. Almeno per la parte consona e legittima, è meglio che tu faccia il regolare pagamento, lasciando in sospeso eventualmente la quota in più.

Probabilmente sei stai leggendo qui è perché anche tu sei incappato in tale disservizio e sei in cerca di una soluzione!!

Il più delle volte purtroppo si scopre l’inganno solo nel momento in cui riscontriamo una diminuzione del credito sulla nostra SIM dovuta proprio al pagamento del servizio digitale non richiesto. Ci si chiede in che maniera si è attivato il servizio!? Semplice, le modalità di attivazione sono diverse e variano nel tempo. In alcuni casi anche con il semplice “cliccare” inavvertitamente su di un banner pubblicitario che appare sullo schermo del cellulare oppure su una finestra pop-up durante la navigazione.

Facciamo alcuni esempi concreti

Ti ritrovi servizi forniti da aziende come EmCube, Mobile Pay, Tekka, Mobando? Questi soggetti operando come provider esterni dei principali operatori telefonici, forniscono i cosiddetti Servizi digitali di Terze Parti cioè servizi di informazioni e contenuti, per biglietti trasporti e parcheggi e per effettuare donazioni. Non solo, ci sono anche i servizi erogati dalla propria compagnia telefonica di riferimento senza che ve ne sia stato dato preavviso o che ci sia stato un consenso volontario di approvazione.

Gran parte delle richieste di assistenza che riceviamo riguardano i seguenti  addebiti automatici presenti in fattura:

  • 3 sotto la voce: “Contenuti e Servizi di Tre Italia e i suoi Partner” (se avete una prepagata potete trovare tali addebiti nel dettaglio traffico sotto la voce “Contenuti e servizi”)
  • Wind alla voce: “Servizi a Contenuto Wind”;
  • Tim in: “Servizio a Contenuto”;
  • Vodafone sotto la voce: “Contenuti Mobile/PC” o “Servizi Digitali”.

Ecco, sei ti trovi in questa situazione, stai tranquillo. Questa pratica è qualificata dal Codice del Consumo come pratica commerciale scorretta. Pertanto potrai avere diritto alla restituzione di quanto già pagato ingiustamente alla tua compagnia telefonica! In questi casi i costi, stante l’esclusiva responsabilità della controparte, le spese dell’assistenza legale saranno a carico della controparte.

Contattaci

    Il tuo nome (*)

    La tua Email (*)

    Telefono

    Descrivici il disagio subito

    Contattaci

      Il tuo nome (*)

      La tua Email (*)

      Telefono

      Descrivici il disagio subito